Un altro Padre Nostro?

Lettere a Neale

Caro Neale… Dopo aver scritto il tuo libro, The Only Thing That Matters, potrebbe esserci stata la possibilità che Dio cambiasse la preghiera del Padre Nostro in una preghiera che ognuno potrebbe recitare — con ‘male’ sostituito da ‘illusioni’ e ‘perdono’ da ‘comprensione’? Potrebbe magari essere qualcosa tipo:

Mio Dio, sono nei Cieli. Santificato è il mio nome. Il mio Regno è arrivato, la mia Volontà è fatta, come in cielo, così in terra. Ogni giorno mi viene dato il mio pane  quotidiano. Sostituisco il Perdono con la Comprensione per i miei Peccati, così come sostituisco il Perdono con la Comprensione per coloro che hanno Peccato contro di me. Guido me stesso nella tentazione allo scopo di allontanare me stesso dalle Illusioni che abbiamo creato. Mio è il Regno, mia è la Potenza e la Gloria nei secoli. Amen.

Non sarebbe una grandiosa attuazione di tutti i libri di Conversazioni con Dio, e una dichiarazione di libertà e liberazione dalle illusioni, poter pregare in questo modo? Buona giornata. Marian.

Neale Risponde

Cara Marian… Amo la preghiera del Padre Nostro esattamente così come ci è stata data originariamente, e la  dico spesso. A volte anche cinque o sei volte al giorno. Ma non sono in disaccordo con quanto hai detto. Anche la tua preghiera è bella.

Tutte le preghiere, ovviamente, sono il Padre Nostro (in inglese letteralmente “Preghiera del Signore” – n.d.t.). Cioè, ogni preghiera è felicemente “proprietà” di Dio! La preghiera è una dichiarazione di ciò in cui ognuno di noi crede intensamente. Nel mio mondo va bene chiedere cose a Dio. Io continuo a  credere in un Dio molto personale, e Dio ama che noi chiediamo cose che desideriamo sperimentare — specialmente quando chiediamo sapendo che “prima che tu chieda, Io ti avrò risposto”. Perciò mi piace chiedere a Dio “dacci oggi il nostro pane quotidiano”, perchè chiedo sapendo che Dio lo avrà già fatto.

E mi piace chiedere a Dio “rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori”. Mi fa sentire bene pregare per questo, poiché mi ricorda di perdonare gli altri. Non posso aspettarmi che Dio faccia per me qualcosa che io non sono neanche disposto a fare per gli altri. Ancor meglio (come viene  discusso in The Only Thing That Matters), quando dico queste parole mi viene  ricordato di sostituire ‘perdono’ con ‘comprensione’ — come hai dichiarato anche tu nella tua preghiera.

Amo la tua comunicazione, nella preghiera che hai composto, di ciò che ritieni vero. E’ potente e molto dolce, e dice la tua verità. Grazie per averla  condivisa con me. Ti invio l’augurio che tu possa continuare a sperimentare la presenza di Dio in te e attraverso di te tutti i giorni della tua vita.

Con amore,
Neale

Simple Share Buttons
0

Your Cart